Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Topics - Lamberto

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 »
1
Con l'intenzione di verificare un nuovo percorso in fuoristrada ed anche la piccola GS 310 abbiamo percorso 140 km di cui 100 di asfalto tutto curve e 40 in fuoristrada di cui oltre la metà piuttosto impegnativo.
Siamo partiti da Bordighera percorrendo la strada che passa per Dolceacqua, Pigna e Colle Langan. Poi siamo scesi con direzione Molini di Triora e Andagno. Questo percorso divertente e senza mai una pausa tra una curva e l'altra è stato reso più impegnativo dall'asfalto bagnato data l'abbondante pioggia della notte.
Poi abbiamo preso per Rezzo quindi sulla sinistra parte una sterrata che fin da subito ha richiesto attenzione perchè il maltempo ha fatto si che ci fossero guadi e fangaie e con i pneumatici  Tourance non ero proprio nelle migliori condizioni mentre i miei compagni di viaggio avevano le Pirelli Scorpion Rally che assicuravano qualcosina in più di trazione. In effetti più volte la ruota posteriore è andata per i fatti suoi. Dopo un bella salita ci siamo trovati in uno stupendo bosco che ha richiesto una fermata per ammirarlo.
Questa sterrata, che pensavo breve, si è rivelata lunga e impegnativa non solo per le pietre ma anche per dei tratti in salita con il fango che mi hanno costretto a spingere la moto.
L'obbiettivo era arrivare alla galleria di Garezzo che, una volta attraversata, ci ha visto percorrere un tratto di alcuni km molto impegnativo per via delle pietre fisse e molto fitte che formavano il sito stradale. Questo tratta si va a congiungere con la parte della Via del Sale che da sotto il Monte Saccarello porta al Colle della Melosa.
E' stata un dura prova per le sospensioni delle moto, devo dire che ho apprezzato la loro scorrevolezza che invece su asfalto rendono la moto un pò ballerina, determinante e piacevole la leggerezza della moto anche se siamo oltre i 160 kg. La piccola BMW in generale è andata molto bene e sicuramente mi sarei divertito di più se avessi avuto delle gomme tipo Mitas 09.
E' certo che questa estate rifarò questo percorso perchè è vario, divertente e con bellissimi panorami, consiglio di percorrerlo con moto più leggere e orientate al fuoristrada.


























































2
Drive in / Anche lui entra nel club dei 60
« il: 28 Maggio 2021, 09:34:11 »
Colui che non trova ancora l'anima gemella, motoristicamente parlando, oggi compie 60 anni!!

E' proprio vecchio  :hee20hee20hee:

Auguri Sergio!!!

3
Comunicazioni / Aldo Canale ci ha lasciato
« il: 03 Maggio 2021, 11:06:04 »
Il carissimo Aldo, compagno inseparabile di Paola Bertani, nella vita e nell'enduro ci ha lasciato.
Al momento non conosco i motivi per cui è deceduto, lo ricordo in un paio di raduni da noi organizzati dove la sua simpatia e manetta si notavano immediatamente.
Ciao Aldo riposa in pace.








4
Officina / Domanda per Vin-Lap
« il: 14 Aprile 2021, 13:30:00 »
Sulla Montesa 4T il libretto indica di mettere olio 10W30, in casa ho una scelta di olii 10W40 e 10W50, secondo te possono andare bene lo stesso?
Grazie

5
Drive in / Facciamo gli auguri al ranocchio
« il: 31 Marzo 2021, 09:35:16 »
Ieri il Kermit è stato operato al polso, operazione delicata che speriamo abbia un esito positivo e per questo gli facciamo tanti auguri.

6
My Trial / Mytrial anche nel 2021 con motoalpinismo.it
« il: 08 Marzo 2021, 19:42:06 »
Daniele Proietti, titolare di mytrial.it, anche per il 2021 ci rinnova la promozione dedicata a motoalpinismo.it, ovvero digitando all'atto dell'ordine nel campo "Utilizza il codice buono sconto" la parola "motoalp" si ottiene un 5% di sconto su tutti i prodotti.
Se l'ordine supera i 100 € il trasporto è gratuito.
Velocità, professionalità e gentilezza sono caratteristiche che abbiamo potuto verificare in tanti anni di collaborazione.

7
Fotografia / Le nostre vecchie foto
« il: 04 Febbraio 2021, 19:45:40 »
L'altro giorno stavo "ravanando" in mansarda e mi sono capitate in mano delle vecchie foto del quale non ricordavo l'esistenza.
Beh gli anni ci sono  :73: e conseguentemente certe foto sono del Paleozoico Cambriano  sm444 sm444
Certo le foto sono tante ma quelle più significative perchè non condividerle?
Forza! Vediamo come eravamo  :hee20hee20hee:


Riccione, agosto 1973 - Aprilia Scarabeo 50 con motore Minarelli, in assoluto la mia prima moto






Monte Martica (Varese), settembre 1982 - Fantic 200, la mia prima trial



8
Comunicazioni / Viaggi in giro per il mondo
« il: 30 Gennaio 2021, 15:09:34 »
Dato che vogliamo arricchire il forum con i report di viaggi in giro per il mondo...basta che siano al di fuori del territorio nazionale  sm442, ho creato due sottosezioni, una dedicata alle moto ed una per tutti gli altri mezzi.
Perchè riteniamo che il viaggiare, a prescindere dal mezzo, sia una delle cose più belle che si possa fare e rendere partecipi gli altri di queste esperienze trovo sia un ottimo modo per stare insieme.
I viaggi non devono essere solo di fuoristrada, vanno bene anche gli altri contesti.
Consiglio gli amici che hanno postato sino ad ora in questa sezione di verificare i server dove avevano depositato le loro foto perchè ce sono diverse decine che non sono più visibili.
Per chi avesse dei problemi può girare le foto a me che le depositerò in un apposito spazio di motoalpinismo.it
Grazie sin d'ora della collaborazione.

9
Altre moto / BMW G310 GS
« il: 30 Gennaio 2021, 00:38:43 »
Volendo parlare di questa moto stavo pensando in quale sezione aprire questo post, Enduro/Dual? Enduro Stradali? Alla fine ho deciso di aprirla in Altre Moto, poi ognuno la collocherà dove ritiene più opportuno.....non però nella sezione del Kermit perchè non la ritengo un cancello sm444
Dopo aver percorso 1500 km posso dare alcune impressioni anche se parziali perchè non è stata provata in tutte le condizioni.

Uno dei motivi per cui ho voluto aprire questo post è anche per parlare di una tendenza che oramai da alcuni anni ha visto il mercato via via orientarsi verso cilindrate più piccole che oltre ad avere un costo più abbordabile hanno pesi e prestazioni meno impegnativi.
Hanno cominciato con il produrre le 800 per poi scendere verso le 500 ed oggi si va dai 300/400 cc.
Lo sviluppo di nuove tecnologie di produzione e l’esperienza maturata fanno si che la qualità dei telai e dei motori oggi, anche nelle piccole cilindrate, si possa avere a disposizione un mezzo performante, sicuro, divertente e che assicura anche viaggi di medio raggio.

Il mercato sta cambiando, non si discute.

Cerchiamo di capirci, non è che ci siamo dimenticati le moto del passato emozionali, di elevata qualità che il solo vederle e toccare davano gusto, oggi in effetti io trovo le moto più “fredde” e più prodotto di massa, è vero, però è così.
Per contro con le moto moderne quando si guidano hanno livelli di potenza e sicurezza dei telai/sospensioni che una volta ci sognavamo. Quindi, anche per carattere, non faccio il nostalgico pur ricordando quelli che erano i valori del passato.
Comunque, dato che “l’inverno è ancora lungo” (brevetto del Valchisun) abbiamo di che discutere su questo argomento.

Tornando alla piccola GS posso dire che ho scelto questa moto attirato per la versatilità e il comfort, non è certo sportiva come una KTM 390 che pur essendo vicina di prezzo, (la GS costa  6150 €) ha 10 cv in più che non sono pochi, le KTM sono moto più votate alla piega, più rigide e sono divertentissime, per contro sono meno confortevoli e quindi meno adatte alle uscite di medio raggio.

Esteticamente la piccola GS richiama l’estetica delle sorelle più grandi risultando più leggera soprattutto al posteriore.
L’altezza da terra è di 83,5 cm, esistono anche selle che portano l’altezza a 82 o a 85 cm, la forma rastremata nella parte anteriore facilita l’appoggio dei piedi a terra.
In sella si sta comodi e l’ergonomia è buona, solo il manubrio è piuttosto basso, in effetti la prima cosa che ho fatto è ordinare dei riser che alzano e indietreggiano il manubrio, quelli in foto sono riser tradizionali montati in attesa di quelli “giusti”.
Per il resto le gambe sono ben distese, per il passeggero il comfort è buono se non si fanno giri lunghi, ho portato mia moglie a fare un giretto di circa 200 km e non si è lamentata però ha detto che la sella del GS 800 Adventure era meglio……non posso dagli torto!
La GS ha un motore di 313 cc che eroga 34 cv a 9500 giri, ha il cilindro girato di 180° come le Yamaha da cross/enduro che ottimizza la centralità delle masse e il collettore di scarico è meno invasivo. Questo motore vibra poco e da il meglio di se nella seconda parte dell’arco di utilizzo mostrando una discreta grinta. Il consumo si attesta tranquillamente sui 30 km litro ma a volte ho fatto anche i 32.
La velocità di crociera ideale, con i rapporti standard, è sui 110/120 km, a questa velocità il piccolo parabrezza non serve e per sopperire ne ho montato uno più largo e più alto.
Le sospensioni sono Kayaba non regolabili, sono tarate sul morbido.
I freni della ByBre, società controllata dal Gruppo Brembo, sono ben modulabili e non degradano le prestazioni anche se usati a lungo, non brillano in mordente, intendiamoci, frenano bene ma si potrebbe fare meglio.
L’ABS della Continental è a due canali ed è disinseribile e devo dire che lavora in modo egregio.
Cerchi stampati tubeless, ruote da 110/80/19 all’anteriore e 150/70/17 al posteriore.
In movimento la moto risulta essere leggera, pesa 169 kg in ordine di marcia con il pieno di 13 lt, la leggerezza è data anche dal motore piuttosto arretrato.
Dove si gode con questa moto è nelle curve di montagna dove guizza tra un tornante e l’altro senza dare pensiero anche in quelli più stretti e inclinati. Ovviamente con queste caratteristiche usarla in città è eccezionale.
In fuoristrada l’ho provata poco perché l’ho comperata a settembre e con l’avvento del lockdown non ho più avuto occasione. Quel poco che ho fatto è stata un sterrata scorrevole e devo dire che le sospensioni morbide copiano bene le buche ed è stabile, il manubrio avendolo rialzato permette una guida in posizione abbastanza corretta.
Infine la provenienza, la GS 310 è prodotta in India dalla TVS, azienda che produce circa 3.000.000 moto all’anno, scelta dalla BMW perché ha una qualità di produzione ottima, superiore alle società dello stesso paese.
In sintesi è una ottima "utilitaria" che permette anche di togliersi delle soddisfazioni ovviamente parametrandosi al costo ed alla cilindrata.
Con due gomme tassellate sono sicuro che permette di divertirsi anche sulle sterrate di montagna.












10
Comunicazioni / Un aiuto a motoalpinismo.it
« il: 07 Gennaio 2021, 11:31:49 »
Cari amici e utenti di motoalpinismo.it,
in questi giorni stiamo lavorando intensamente al forum perchè gli attacchi degli hacker sono tantissimi e occorre prendere ulteriori misure di sicurezza oltre a quelle che sono sempre state in essere.
Ho incaricato i tecnici che gestiscono il server dove risiede di nostro sito di fare gli aggiornamenti e le operazioni necessarie alla salvaguardia di motoalpinismo.it, da come mi stanno riferendo la cosa è si è rivelata più complessa del previsto tant’è che le operazioni sono ancora in corso.
Tra gli aggiornamenti necessari c'è stato anche quello del software che gestisce il forum ed è per questo che è cambiata la grafica.
Queste attività hanno fatto purtroppo lievitare sensibilmente i costi di gestione del nostro forum, cosa a cui ho fatto fronte più che volentieri sino ad oggi ma adesso questo aumento mi porta a chiedere, ovviamente senza alcun obbligo, un contributo il cui importo è a libera scelta.
Grazie e un cordiale saluto

Lamberto



A mezzo ricarica Postepay
Intestata a Lamberto Galanti
nr. 5333 1710 7397 2503 scad. 11/23
Codice fiscale: GLNLBR57B11F346W

A mezzo bonifico
C/C Intestato a Lamberto Galanti
IBAN: IT64V 36081 05138 22881 7928824

Causale: motoalpinismo.it


A mezzo Paypal l'account è:

lamberto.galanti@itinerasrl.it

11
Drive in / La Dakar del 1984
« il: 03 Gennaio 2021, 19:08:06 »
Le Dakar di una volta come si sa erano gare eroiche al limite della follia, qui vi allego il link ad una intervista dove Renato Zocchi racconta di un incidente occorsogli durante la gara.
Il filmato dura una mezzoretta ma merita di essere seguito.

https://www.gpone.com/it/2020/01/02/dakar/cera-una-volta-la-parigi-dakar-la-folle-avventura-di-renato-zocchi.html

12
Drive in / AUGURI DI BUONE FESTE
« il: 24 Dicembre 2020, 12:09:58 »
Ciao a tutti gli amici del forum!

Vi auguriamo di passare un sereno Natale con le vostre famiglie.

 :baci:

13
Dopo una settimana di pioggia il 29/9 dovrebbe fare bel tempo e, prima che arrivi la neve, vorrei organizzare il giro dell'Assietta.
Chi viene?

14
12 agosto 2020

Oggi bel giro in moto con Aldo e Gianni, le moto utilizzate la Honda CRF 250 L, la nuova Tènèrè 700 e la mia Husqvarna TE 449, quindi moto molto diverse che comunque si sono dimostrate valide per un percorso scorrevole comunque impegnativo perché a fine giornata avevamo percorso 190 km tra asfalto e sterrato.
Percorso già fatto altre volte con Gianni che prevede l’avvicinamento alla Via del Sale attraverso un percorso enduro di circa 50 km che rappresenta la parte più tecnica della giornata.
Poi abbiamo percorso la classica Via del Sale sempre bella che non mi stancherei mai di fare.
Gianni mi ha stupito per come ha condotto la Tènèrè, praticamente oggi, dopo circa 4000 km, ha raggiunto un tale feeling che guida la moto come fosse una enduro racing.
Ho avuto modo di provare la sua moto e, anche se un po in soggezione per il peso, questa si è mostrata facile da condurre e la guida in piedi è naturale. Penso che con delle coperture più adatte sia veramente un bel mezzo fuoristrada, direi che oggi, nello scenario della sua categoria, sia quella che meglio incarna lo spirito di moto totale.
Il forte effetto on/off che avevo riscontrato sulla moto demo che mi aveva dato il concessionario qui era veramente minimo e per niente fastidioso….mah!
Aldo, da par suo, ha francobollato Gianni tutto il giorno nonostante la minor potenza della moto.
Da parte mia la TE 449 era una novità assoluta in quanto non l’avevo ancora provata in fuoristrada, solo pochi km su asfalto.
E’ una moto che al tempo Husqvarna volle realizzare come modello particolarmente curato, le sospensioni sono Kayaba, impianto frenante anteriore e posteriore full Brembo.
Lo scarico con la quale avevo comperato la TE era una ARROWS da motocross e la mappatura versione racing che davano una erogazione cattiva tant’è che sino alla quarta impennare di gas era nella norma, erogazione tipica da moto da cross.
Per migliorare un attimo la situazione e ridurre un po il rumore ho montato una Akrapovic che ha reso l’erogazione più enduristica comunque ancora aggressiva. Per migliorare dovrei far caricare la mappatura standard.
Ho compreso perché questa moto non ha avuto un grande successo, innanzi tutto il costo elevato, poi l’interasse lungo ed una altezza della sella adatta ad un giocatore di pallacanestro.
La moto non trasmette un feeling immediato perché ha il baricentro alto, un forcellone lunghissimo e la forcella in piedi, questo porta ad avere difficoltà nel fare le curve per lo sforzo richiesto, in discesa tende a prendere sotto e nei tratti tecnici, nonostante le forcelle siano belle scorrevoli, ogni tanto l’anteriore scarta. Per contro nel veloce la moto trasmette sicurezza più si aumenta la velocità. Il motore BMW (costruzione KYMCO) è sempre pronto e rapido a salire di giri.
I freni….saranno perché si chiamano Brembo ma sono fantastici, molto potente l’anteriore comunque sempre modulabile, il posteriore è difficile portarlo al bloccaggio.
Il famoso discorso legato al fatto che il pignone è infulcrato nel perno del forcellone fa si che non ci sia il tiro catena, direi che il retrotreno ha lavorato in modo impeccabile, mai reazioni strane e grande trazione. In ultima analisi è una moto impegnativa fisicamente e, a fine giornata, ero  stanco….lo era anche Gianni ma il peso che ha avuto da gestire era ben diverso.
Aldo, imperturbabile con la sua Hondina, non ha mai fatto una piega…insomma un bel binomio.
Grazie agli amici di questa bella giornata di fuoristrada, la prossima settimana giretto stradale, percorso ancora da decidere come pure la data.
































15
Mercoledì 12/8 vado a fare la Via del Sale.....c'è qualcuno che si aggrega?

Poi, vorrei fare un raduno con le moto stradali in Liguria - chi c'è e qualche proposta di percorso?

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 »