Autore Topic: Però, simpatico sto Pierer!  (Letto 3109 volte)

sgnaus

  • Visitatore
Però, simpatico sto Pierer!
« il: 30 Maggio 2013, 15:32:30 »
"...In Italia c’è la Cassa Integrazione, che si ottiene se si soddisfano precisi requisiti in una ristrutturazione aziendale. Ma i sindacati, naturalmente, dicono alla gente di organizzarsi e proclamano scioperi. Eppure a Varese anche la Whirpool sta lasciando a casa 500 dipendenti. Nel nord Italia attualmente è in atto un fenomeno di deindustrializzazione, il Paese non è più competitivo, le aziende internazionali se ne vanno..."

http://www.insella.it/news/pierer-husqvarna-tanto-italia-ce-la-cassa-integrazione

Offline vin-lap

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3397
  • Pordenone - FVG
    • Mostra profilo
Re: Però, simpatico sto Pierer!
« Risposta #1 il: 30 Maggio 2013, 15:42:08 »
purtroppo è la verità :SAD:
moto varie.....

sgnaus

  • Visitatore
Re: Però, simpatico sto Pierer!
« Risposta #2 il: 30 Maggio 2013, 15:51:49 »
purtroppo è la verità :SAD:
no un momento, anche solo da un punto di vista etico, lui non può giustificarsi lasciando sulle spalle della collettività italiana i costi delle sue decisioni, deve solo dire grazie alla mancanza di una vera politica industriale, ma di lì a dichiararlo apertamente ci vuole una bella faccia di  ciapet soprattutto alla luce dei fatti! tanto per fare un esempio, a milano Hynes ha venduto il 40% delle sue azioni all'emiro del qatar, trasformando il cantiere di porta nuova, nel cantiere più grande d'europa. se s'investe in progresso in italia del nord, gli investitori hanno un buon tornaconto, a patto che sappiano produrre beni utili e di qualità. la crisi sta diventando una scusa per troppi industriali marcioni intenti a fallire solo per non pagare i debiti, non scordiamolo!
« Ultima modifica: 30 Maggio 2013, 15:54:00 da sgnaus »

Offline vin-lap

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3397
  • Pordenone - FVG
    • Mostra profilo
Re: Però, simpatico sto Pierer!
« Risposta #3 il: 30 Maggio 2013, 16:11:36 »
purtroppo è la verità :SAD:
no un momento, anche solo da un punto di vista etico, lui non può giustificarsi lasciando sulle spalle della collettività italiana i costi delle sue decisioni, deve solo dire grazie alla mancanza di una vera politica industriale, ma di lì a dichiararlo apertamente ci vuole una bella faccia di  ciapet soprattutto alla luce dei fatti! tanto per fare un esempio, a milano Hynes ha venduto il 40% delle sue azioni all'emiro del qatar, trasformando il cantiere di porta nuova, nel cantiere più grande d'europa. se s'investe in progresso in italia del nord, gli investitori hanno un buon tornaconto, a patto che sappiano produrre beni utili e di qualità. la crisi sta diventando una scusa per troppi industriali marcioni intenti a fallire solo per non pagare i debiti, non scordiamolo!
dice che in italia non conviene produrre non è giustificarsi....
purtroppo è vero...

con ciò non sostengo che quello che vuole fare sia "corretto" dal punto di vista etico,
ma le leggi italiane ed europee lo  consentono e l'hanno sempre consentito:
quando Cagiva ha acquistato Husqvarna che ne ha fatto delle unità produttive in svezia?
che ne è dello stabilimento e delle manovalanze della gilera?
e della innocenti?
e dove vengono prodotte le alfa romeo? (ad arese credo che anche il museo sia già stato sbaraccato...)

se in italia fosse possibile produrre e lavorare onestamente nessuno di questi marchi sarebbe finito nelle mani degli speculatori e tutti sarebbero competitivi nella propria nicchia di mercato....
« Ultima modifica: 30 Maggio 2013, 17:21:43 da vin-lap »
moto varie.....

sgnaus

  • Visitatore
Re: Però, simpatico sto Pierer!
« Risposta #4 il: 30 Maggio 2013, 16:21:43 »
ma l'ho premesso che manca una corretta politica industriale, ma ciò non significa che potendosela cavare coi soldi degli altri lui possa fare anche lo sborone sentenziando su di una nazione che non è la sua, pierer in fondo che ha fatto? ha detto "subentro" e poi a distanza di tempo, ha aggiunto "vi lascio a casa", se ti lamenti che in un determinato paese ci sia crisi, comportarsi così vuol solo dire pegigorare (anche se limitatamente) la situazione.
il suo non è un aiuto, è un calcio nelle palle in piena regola, quindi stia almeno zitto e la sua verità la tenga per se. prova tu ad andare a parlare della loro economia in austria... poi vediamo!
« Ultima modifica: 30 Maggio 2013, 16:24:11 da sgnaus »

Offline alex

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 29627
  • Quartier del Piave (TV)
    • Mostra profilo
Re: Però, simpatico sto Pierer!
« Risposta #5 il: 30 Maggio 2013, 16:40:23 »
lui possa fare anche lo sborone sentenziando su di una nazione che non è la sua,

Lo fanno ben altri e va tutto bene. Si vede che è di tendenza  :SAD: Quanto alla scorrettezza, è palese, il problema è che glielo si lascia fare, come tutto il resto.
Aprilia SL1000 Falco "Zia Frankenstein"

sgnaus

  • Visitatore
Re: Però, simpatico sto Pierer!
« Risposta #6 il: 30 Maggio 2013, 16:48:32 »
...Quanto alla scorrettezza, è palese, il problema è che glielo si lascia fare, come tutto il resto.
esatto

Offline Guidolavespa

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1303
  • Endurista lento delle valli pinerolesi
    • Mostra profilo
Re: Però, simpatico sto Pierer!
« Risposta #7 il: 30 Maggio 2013, 16:57:36 »
mah... tutti che che fanno i santoni del marketing e della fantaeconomia.

c'è una fabbrica sull'orlo del collasso, sta fallendo.
il proprietario la mette in vendita.
un acquirente la compera.
non è un filantropo, ne l'esercito della salvezza.
è un imprenditore. lui compra il marchio e la storia di questa azienda, come Luxottica ha comprato rayban.
come delvecchio il buon pierer compra un'immagine e la porta via dal suo paese.
come cagiva fece tanti anni fa.
i lavoratori svedesi, come quelli americani e quelli italiani restano senza lavoro.

ora... se il vecchio proprietario (con lo stato italiano o meno) avesse detto: vendiamo ma la produzione deve rimanere qua... cosa sarebbe successo?
oppure: se ktm non avesse comperato... cosa sarebbe successo?

insomma... perchè tutto questo rancore nei confronti di ktm??? perchè non ha lasciato la produzione in italia?
perchè avrebbe dovuto farlo?
il suo lavoro è dare il massimo profitto ai suoi azionisti.
il lavoro del nostro governo è salvaguardare lanostra economia, i nostri imprenditori, i nostri operai...

non confondiamo... non facciamo gli sdegnati...
le vostremoto se fossero completamente costruite in europa con pezzi fabbricati in europa quanto costerebbero?
le avreste ugualmente?

PRODUCI CONSUMA CREPA

Offline vin-lap

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3397
  • Pordenone - FVG
    • Mostra profilo
Re: Però, simpatico sto Pierer!
« Risposta #8 il: 30 Maggio 2013, 17:06:12 »
...Quanto alla scorrettezza, è palese, il problema è che glielo si lascia fare, come tutto il resto.
esatto
concordo....
moto varie.....

Offline vin-lap

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3397
  • Pordenone - FVG
    • Mostra profilo
Re: Però, simpatico sto Pierer!
« Risposta #9 il: 30 Maggio 2013, 17:19:11 »
.........
oppure: se ktm non avesse comperato... cosa sarebbe successo?
a questo penso di saper rispondere:
avrebbe chiesto la cassa integrazione BMW!
Citazione
insomma... perchè tutto questo rancore nei confronti di ktm??? perchè non ha lasciato la produzione in italia?
perchè avrebbe dovuto farlo?
da parte mia nessun rancore verso ktm.....
un po' di più verso bmw....
Citazione
il suo lavoro è dare il massimo profitto ai suoi azionisti.
il lavoro del nostro governo è salvaguardare lanostra economia, i nostri imprenditori, i nostri operai...
sull'efficacia dei nostri governi dagli anni '80 in poi non parlo perché non si parla di politica....
Citazione
non confondiamo... non facciamo gli sdegnati...
le vostremoto se fossero completamente costruite in europa con pezzi fabbricati in europa quanto costerebbero?
le avreste ugualmente?
non sono sdegnato, ma è parecchio che non compro moto europee nuove.............
moto varie.....

sgnaus

  • Visitatore
Re: Però, simpatico sto Pierer!
« Risposta #10 il: 30 Maggio 2013, 17:21:07 »
mah... tutti che che fanno i santoni del marketing e della fantaeconomia.

c'è una fabbrica sull'orlo del collasso, sta fallendo.
il proprietario la mette in vendita.
un acquirente la compera.
non è un filantropo, ne l'esercito della salvezza.
è un imprenditore. lui compra il marchio e la storia di questa azienda, come Luxottica ha comprato rayban.
come delvecchio il buon pierer compra un'immagine e la porta via dal suo paese.
come cagiva fece tanti anni fa.
i lavoratori svedesi, come quelli americani e quelli italiani restano senza lavoro.

ora... se il vecchio proprietario (con lo stato italiano o meno) avesse detto: vendiamo ma la produzione deve rimanere qua... cosa sarebbe successo?
oppure: se ktm non avesse comperato... cosa sarebbe successo?

insomma... perchè tutto questo rancore nei confronti di ktm??? perchè non ha lasciato la produzione in italia?
perchè avrebbe dovuto farlo?
il suo lavoro è dare il massimo profitto ai suoi azionisti.
il lavoro del nostro governo è salvaguardare lanostra economia, i nostri imprenditori, i nostri operai...

non confondiamo... non facciamo gli sdegnati...
le vostremoto se fossero completamente costruite in europa con pezzi fabbricati in europa quanto costerebbero?
le avreste ugualmente?


è il motivo per cui l'economia ha ucciso il mercato: perché ognuno di questi super imprenditori del put, ha guardato il suo proprio interesse senza pensare alle conseguenze. ma non ci avevano detto che la concorrenza è l'anima del mercato? non ci avevano insegnato che il monopolio è in contrapposizione al libero mercato? e allora di che sdegno si parla? qui la questione è di SOPRAVVIVENZA altro che sdegno. certo pierer o quell'altro mago dei veleni marchionne hanno ragione imprenditorialmente parlando, vanno a produrre all'estero, in america, marchionne probabilmente si porta là pure la base logistica, che male c'è? fa l'interesse delle proprietà... certo, peccato che quando la fiat era in crisi il nostro stato finanziava gli incentivi di cui fiat prendeva gli utili dalla vendita di macchine e prima ancora la cassa integrazione copriva l'immobilità del mercato. di chi era la colpa della mancata vendita delle auto? delle altre case che producevano auto migliori? o degli operai? e allora perchè invece di essere noi a pagare il fio questi santoni dell'economia, quando le cose vanno male non si pagano loro i costi del loro fallimento o non li si mette in condizione di produrre senza poter decentrare le aziende? perché i loro utili non vengono redistribuiti nell'ammodernamento delle aziende e nella società attraverso le tasse ma vengono investiti in speculazioni finanziarie? vogliamo chiamarla mancanza di lungimiranza? vogliamo chiamarla miopia politica? vogliamo chiamarla come bisognerebbe chiamarla semplice idiozia? a me va benissimo, ma ciò che tu hai detto è proprio l'assurdo senso del liberismo sfrenato che non lascia possibilità a chi è fuori, anche solo temporaneamente, dal mercato di rientrare, è il cancro della nostra società, il freno a mano tirato dello sviluppo. la mancanza di moralità uccide gente, fatevene una ragione
« Ultima modifica: 30 Maggio 2013, 17:25:13 da sgnaus »

Offline Guidolavespa

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1303
  • Endurista lento delle valli pinerolesi
    • Mostra profilo
Re: Però, simpatico sto Pierer!
« Risposta #11 il: 30 Maggio 2013, 17:42:53 »
vin-lap, sono d'accordo con te.
sgnaus, continui a confondere il commercio con l'etica sociale.
il commercio ha la sua etica ma non è quella sociale.
poi dici che il commercio ha ucciso il mercato...
guarda che il commercio vive sul mercato.
è prima di tutto il mercato che crea il commercio.
il commercio soddisfa i bisogni dei clienti.
se i clienti vogliono spendere 1000 lire per le manopole, il produttore va a farle in cina.
se non è capace di fare qualcosa che valga di piu' e si capisca...
chi sa produrre in italia esiste ancora.
certo è gente coi controcog....i.

tanto per citarne uno, il buon guido sala che produce le valvoline per le wp... lavora notte e giorno, ha surclassato tutti i produttori di forcelle del mondo col suo sistema (non voglio fare pubblicità, esagero per spiegare il concetto).
è anche bravo a fare altri particolari meccanici come leve, pedane ecc.
e se li fa pagare... perchè i suoi prodotti sono superiori a quelli che costano meno.
perchè lui sa fare cose che i cinesi non sanno fare.
è tutta l' la faccenda... non puoi competere con dei mostri potentissimi se ti metti sullo stesso piano loro.

devi avere un'identità, ci deve essere un motivo per cui vale la pena scegliere te.
se non esiste, chiudi.

colpa di bmw, di cagiva, del magazziniere non lo so.

non di kakkatiemme pero'...
PRODUCI CONSUMA CREPA

Offline Bikerider

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 4866
    • Mostra profilo
Re: Però, simpatico sto Pierer!
« Risposta #12 il: 30 Maggio 2013, 17:46:35 »
no un momento, anche solo da un punto di vista etico, lui non può giustificarsi lasciando sulle spalle della collettività italiana i costi delle sue decisioni, deve solo dire grazie alla mancanza di una vera politica industriale, ma di lì a dichiararlo apertamente ci vuole una bella faccia di  ciapet soprattutto alla luce dei fatti! tanto per fare un esempio, a milano Hynes ha venduto il 40% delle sue azioni all'emiro del qatar, trasformando il cantiere di porta nuova, nel cantiere più grande d'europa. se s'investe in progresso in italia del nord, gli investitori hanno un buon tornaconto, a patto che sappiano produrre beni utili e di qualità. la crisi sta diventando una scusa per troppi industriali marcioni intenti a fallire solo per non pagare i debiti, non scordiamolo!
Sgnaus personalmente concordo che l'economia non dovrebbe essere solo numeri né un giochino da manager rampanti che fanno e disfano con leggerezza e senza controllo. Inoltre le idee e le capacità ancora danno frutti, ci sono molti esempi a riguardo.
Però, al di là della scarsa eleganza nelle affermazioni (va anche contestualizzato, forse a un giornale non del proprio paese, nel proprio paese, non avrebbe reso palesi gli stessi concetti) questo concetto: " Nel nord Italia attualmente è in atto un fenomeno di deindustrializzazione, il Paese non è più competitivo, le aziende internazionali se ne vanno" possiamo confutarlo con ragione?

A me quello che preoccupa è la sostanza, ovvero che il Paese è pericolosamente vicino alla rovina, o comunque per certo in forte recessione con quel che ne consegue e che è sotto gli occhi di tutti. Focalizzarsi sulla forma e non occuparsi della sostanza a mio personale avviso è uno dei tanti mali italiani (Sganus sia chiaro, non è mia intenzione polemizzare con te o fare un attacco personale).

Che le cose vadano male mi preoccupa davvero, non lo scandalizzarsi perché uno dei teutonici (non noti per eleganza e raffinatezza) fa un affermazione, ahimè vera! Anche perché a lui le cose vanno bene.

If everything seems under control, you're just not going fast enough.

Honda CRF 450X - Dual Purpose
KTM 790 Adventure S - All Purpose

sgnaus

  • Visitatore
Re: Però, simpatico sto Pierer!
« Risposta #13 il: 30 Maggio 2013, 17:54:24 »
vin-lap, sono d'accordo con te.
sgnaus, continui a confondere il commercio con l'etica sociale.
il commercio ha la sua etica ma non è quella sociale.
poi dici che il commercio ha ucciso il mercato...
guarda che il commercio vive sul mercato.
è prima di tutto il mercato che crea il commercio.
il commercio soddisfa i bisogni dei clienti.
se i clienti vogliono spendere 1000 lire per le manopole, il produttore va a farle in cina.
se non è capace di fare qualcosa che valga di piu' e si capisca...
chi sa produrre in italia esiste ancora.
certo è gente coi controcog....i.

tanto per citarne uno, il buon guido sala che produce le valvoline per le wp... lavora notte e giorno, ha surclassato tutti i produttori di forcelle del mondo col suo sistema (non voglio fare pubblicità, esagero per spiegare il concetto).
è anche bravo a fare altri particolari meccanici come leve, pedane ecc.
e se li fa pagare... perchè i suoi prodotti sono superiori a quelli che costano meno.
perchè lui sa fare cose che i cinesi non sanno fare.
è tutta l' la faccenda... non puoi competere con dei mostri potentissimi se ti metti sullo stesso piano loro.

devi avere un'identità, ci deve essere un motivo per cui vale la pena scegliere te.
se non esiste, chiudi.

colpa di bmw, di cagiva, del magazziniere non lo so.

non di kakkatiemme pero'...
ma hai letto quello che ho scritto? temo di no
comunque io non confondo un bel fico secco, semplicemente attribuisco a cesare ciò che è di cesare e, in questo caso il problema è doppio: politico ed economico. per meglio dire di una certa frangia di imprenditori che, non dimentichiamolo, quando compiono operazioni di menefreghismo assoluto, mettono in disgrazia prima di tutto altri imprenditori, quindi il mio (e grazie a dio non solo mio...) pensiero non è rivolto solo alla fascia più debole del processo produttivo, ma a tutti gli apaprtenenti di un settore messo in crisi dalla prevaricazione.
io la penso così e nulla mi convince del contrario, il vero problema è proprio dato dal fatto che troppo spesso si giustifica una certa brutta razza di imprenditori, mentre non si considera che altri imprenditori e operai sono in sofferenza
addio!

Offline alex

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 29627
  • Quartier del Piave (TV)
    • Mostra profilo
Re: Però, simpatico sto Pierer!
« Risposta #14 il: 30 Maggio 2013, 17:55:10 »
devi avere un'identità, ci deve essere un motivo per cui vale la pena scegliere te.
se non esiste, chiudi.

colpa di bmw, di cagiva, del magazziniere non lo so.

non di kakkatiemme pero'...

Ecco, non fa una grinza. Pierer non ha fucilato una azienda, ha rilevato l'onere di darle il colpo di grazia come si fa ad un cavallo azzoppato. Che poi non è bello, ma ha la sua logica, che comprende il padrone del cavallo.
Aprilia SL1000 Falco "Zia Frankenstein"